Medici Varazze - Milano -                     Psichiatria e Psicoterapia a Milano e a

DRA CLAUDIA TRENTANI -DIETISTA
MEMBRO UNIVERSITA' DI PAVIA
 - CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI STUDI E RICERCHE SULLA NUTRIZIONE UMANA E I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

Nasce oggi la collaborazione tra lo Studio Vitaresidence e il Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del Comportamento Alimentare del Dipartimento di Sanità Pubblica, Medicina Sperimentale e Forense dell’Università degli Studi di Pavia.

L’ingresso nel Team della Dra Claudia Trentani dietista, con alle spalle più di venticinque anni di esperienza, risulta fondamentale per il nostro Studio Medico che ha sempre sostenuto l’importanza di una presa in carico del paziente che qui si rivolge per un percorso di psicoterapia o per il trattamento farmacologico dei disturbi della sfera emotiva.

E’ ormai cosa nota che sovrappeso ed obesità sono il risultato di un bilancio energetico positivo con una origine multifattoriale e con almeno duecento geni di suscettibilità che possono favorire lo sviluppo della patologia e con fattori ambientali come il comportamento alimentare, stile di vita e influenze culturali, che ne permettono lo scatenamento.

Altri fattori che entrano in gioco possono essere ad esempio, un particolare periodo della vita (matrimonio, divorzio, nascita di un figlio, pensionamento, menopausa) l’etnicità, la sospensione dal fumo, assunzione di alcol e droghe, stress, depressione, riduzione dell’attività fisica, danni al sistema nervoso centrale (ad es. traumi e tumori) e l’uso di farmaci antidepressivi , ansiolitici e stabilizzanti dell’umore.

L’assunzione di tali medicine, nonostante sia assolutamente vantaggiosa e necessaria, spesso presenta soprattutto nel primo periodo di trattamento, un aumento del peso corporeo lieve o marcato, che il paziente può da solo difficilmente riuscire a spiegare e gestire.

Il meccanismo alla base è vario. I farmaci possono agire direttamente sul senso di fame, stimolandola; sulla sete con un aumento della frequenza di consumo di bevande zuccherine e sulla ritenzione idrica.

I sedativi possono influenzare il peso corporeo perché la loro azione farmacologica, attesa, si esplicita anche in una diminuzione del livello di attività fisica.

Per tutto ciò sicuramente esiste una possibilità di intervento con sedute di counseling nutrizionale, regolando la dieta sui precisi fabbisogni energetici , di macro e micronutrienti e aumentando, per quanto possibile, il movimento, anche semplicemente camminando.

L’esperienza clinica ha anche evidenziato come i maggiori problemi nel trattamento del sovrappeso e obesità siano l’abbandono precoce del percorso di cura e il recupero del peso a distanza. Entrambi i problemi sono collegati alle difficoltà di attuare stabili modifiche dello stile di vita e dei pensieri su cui è doveroso lavorare per non vanificare gli sforzi fatti. In questo caso la Dietista e la Psicoterapeuta lavorano contemporaneamente in sinergia per raggiungere l’obiettivo di peso ragionevole concordato in incontri terapeutici che sono finalizzati a correggere le abitudini alimentari disfunzionali e ad accompagnare le persone ad un cambiamento positivo e soddisfacente nel tempo del peso e dell’immagine corporea.

 







Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint