Medici Varazze - Milano -                     Psichiatria e Psicoterapia a Milano e a
RSS Segui Diventa fan

Articoli recenti

La dieta nella malattia di Parkinson
50° DELLE BETULLE - CASA DI CURA APPIANO GENTILE
TERRORISMO, LO PSICHIATRA:COME REAGIRE ALL'ANSIA E AL SENSO DI IMPOTENZA
Il Piacere di Lavorare ......
MANGIARE .... NUTRIRE IL CORPO E I SENTIMENTI

Categorie

Alimentazione
Ansia
Coaching lavorativo
Depressione
Dipendenze da alcol
Gioco Azzardo
Insonnia e Disturbi del Sonno
News dallo Studio Medici Varazze - Betulle
Psichiatria
Psicogeriatria
Psicologia
powered by

Benessere in Blog

La dieta nella malattia di Parkinson

E’ fondamentale ricordarsi quanto sia indispensabile seguire un adeguato regime dietetico in modo da mantenere un soddisfacente stato di salute, sia con soggetti privi di patologie, sia – a maggior ragione – con pazienti neurologici.
Una dieta equilibrata è inoltre in grado di prevenire o correggere patologie metaboliche concomitanti quali le dislipidemie, il diabete, la gotta, patologie cardiovascolari  o quelle a carico del sistema osteo-articolare.
I pasti possono interferire con l’efficacia della terapia farmacologica e nel caso della malattia di Parkinson, è ormai dimostrato che la razione alimentare ipoproteica somministrata a colazione e a pranzo, è indispensabile per una migliore utilizzazione di L-dopa quando prescritta.
La L-dopa è un aminoacido neutro che utilizza per l’assorbimento del trasporto attivo il medesimo che viene impiegato dalle proteine dietetiche; se c’è dunque competizione per il trasporto, potrebbe esserci una riduzione dell’effetto del farmaco sul disturbo del movimento, che è tipico della patologia.
Malattia e farmaci possono anche essere causa di vari disturbi gastrointestinali e comportamentali, tali da influenzare l’intake dietetico del paziente. Inoltre, considerata la complessità del problema, spesso non sono sufficienti consigli dietetici  generali, ma occorre elaborare degli schemi dietetici personalizzati.
La quota proteica giornaliera nel paziente con malattia di Parkinson non dovrebbe superare i 0.8g/kg di peso corporeo da concentrare nel pasto serale per un beneficio maggiore durante il giorno. Talvolta potrebbe essere necessario fare ricorso a prodotti aproteici per ottimizzare il protocollo alimentare e, qualora il paziente che assume L-dopa sia malnutrito, si potrebbe ricorrere all’uso di integratori ipoproteici ed ipercalorici.
Lo stato di malnutrizione tende ad instaurarsi nelle fasi avanzate della malattia, mediamente dopo quattordici anni dall’esordio, mentre nei primi dieci, si osserva più facilmente la condizione di sovrappeso o obesità, probabilmente a causa della diminuita attività motoria. Se parallelamente non c’è un adeguamento delle abitudini alimentari si crea un bilancio energetico positivo che si traduce in un aumento di peso.
Infine, vi sono diversi fattori che possono interferire con lo stato di nutrizione del paziente: il calo ponderale, depressione, isolamento sociale, difficoltà di deglutizione e di masticazione, gravi discinesie.



0 commenti a La dieta nella malattia di Parkinson:

Commenti RSS

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment
Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint